Anteprima Lightning Network Bitcoin

Lightning Network Bitcoin: Cos’è e come funziona?

Lightning Network Bitcoin: il protocollo di pagamento come soluzione alla scalabilità delle criptovalute

Bitcoin definito come oro digitale ha un problema! Strano a dirsi ma vero. Quando Bitcoin è stato creato il suo network era composto da pochi utenti, tuttavia con il passare del tempo sempre più persone hanno cominciato ad utilizzarlo, a tal punto da congestionare la blockchain bitcoin. Il Lightning Network Bitcoin affronta il problema della scalabilità, provando a ridurre la congestione della rete blockchain.

Lightning Network Bitcoin

L’idea del Lightning Network è stata ideata per la prima volta nel 2015, da Thaddeus Dryja e Joseph Poon. Il progetto è basato su un protocollo di pagamento off-chain, che consente di inviare e ricevere pagamenti istantaneamente, con lo scopo di ridurre il tempo e i costi delle transazioni.

Attualmente bitcoin è in grado di processare solamente dalle 2 a 7 transazioni al secondo (TPS), e con un numero sempre maggiore di persone che si uniscono all’ecosistema delle criptovalute, le transazioni registrate sulla blockchain sono inevitabilmente destinate ad aumentare, compromettendo le performance della rete.

Come Funziona?

L’utilizzo del Lightning Network è basato su tecnologia Peer-to-peer (P2P), attraverso la creazione di canali di pagamento bidirezionali, i quali registrano tutte le transazioni off-chain: su un secondo livello della blockchain principale.

Vediamo insieme come funziona il Lightning Network con un esempio:

Mario vuole utilizzare il Lightning Network per scambiare dei bitcoin con Sara. Per iniziare, i due devono aprire un canale di pagamento, utilizzando un wallet multi-signature (multifirma). Una volta aperto il canale di pagamento, questo funzionerà come uno smart contract e avrà il compito di registrare il saldo di entrambi dopo ogni transazione effettuata. Fintantochè il canale di pagamento tra i Mario e Sara rimane aperto, ambedue possono effettuare tutte le transazioni che vogliono, le quali vengono registrate off-chain.

Quando non hanno più bisogno di effettuare transazioni, possono chiudere il canale di pagamento e trasmettere il saldo finale alla blockchain.

In pratica, il Lightning Network utilizza la blockchain solamente in due casi: all’apertura e alla chiusura del canale di pagamento, mentre tutte le transazioni che avvengono all’interno del canale vengono gestite dallo smart contract, che assume il ruolo di garante, nell’assicurarsi che entrambe le parti ricevano gli importi trasferiti.

Rete di pagamenti

Aprire un canale di pagamento ogni volta che un utente desidera effettuare una transazione non è chiaramente una soluzione conveniente, dal momento in cui bisogna comunque interagire con la blockchain, per l’apertura e la chiusura del canale. Anche in questo caso il Lightning Network ha una soluzione!

Anche se Mario e Sara non hanno un canale diretto tra di loro, possono comunque inviare e ricevere bitcoin sfruttando dei canali di pagamento indiretti.

Rete di pagamenti che utilizza Lightning Network
Rete di pagamento Lightning Network

Immaginiamo che Sara ha un canale diretto con Mario e Mario ne ha uno con Francesco. Sara può inviare bitcoin a Francesco sfruttando il collegamento che Mario ha con Francesco.

La rete di pagamenti del Lightning Network può utilizzare i canali di pagamento indiretti coinvolgendo più nodi della rete e lo smart contract è in grado di trovare il percorso indiretto più breve.

Conclusioni

Il Lightning Network può essere la soluzione al problema della scalabilità di bitcoin, con lo scopo di ridurre il carico di lavoro della blockchain. Inoltre, i canali di pagamento bidirezionali, permettono pagamenti istantanei con commissioni quasi pari a 0. Questo protocollo di pagamento è idoneo per i micropagamenti con cadenza ricorrente, e nonostante il LN sia ancora in fase sperimentale, è un progetto che presenta un potenziale enorme per migliorare l’intero ecosistema delle criptovalute.

Share: